venerdì 11 novembre 2011

Juve: Poker al Savona

Dopo i quattro gol rifilati la scorsa settimana al Renate, la Juventus si ripete con il Savona, altra formazione di Lega Pro Seconda Divisione, nell’amichevole disputata ieri pomeriggio a Vinovo. Un test utile per i bianconeri rimasti a disposizione di Conte, che ha schierato inizialmente un 4-3-3 con Manninger in porta, Motta, Bonucci, Grosso e De Ceglie in difesa, Giaccherini, Pazienza ed Elia a centrocampo e Del Piero, Toni e Quagliarella in avanti. Di fronte ai circa 250 tifosi che hanno gremito la tribuna dello Juventus Center e a Pavel Nedved e al “Puma” Emerson, presenti a bordo campo, la squadra ha giocato su discreti ritmi, contro un Savona per nulla disposto a recitare il ruolo di vittima sacrificale. I liguri si sono anzi resi pericolosi in qualche occasione, trovando però le pronte risposte di Alexander Manninger. Nel primo tempo la Juve passa al 15’ con del Piero, che dal limite dell’area centra l’angolino basso con un destro rasoterra “a giro”, ma si deve aspettare l’ultimo quarto d’ora di gara per vedere le altre reti. Nel frattempo Conte cambia due volte uomini e modulo, inserendo ad inizio ripresa Gabriel Appelt al posto di Toni e passando al 4-1-4-1. Al 18’ altra sostituzione: Iaquinta rileva Motta e la Juve si schiera con il 4-2-4, in cui Giaccherini agisce nell’inedito ruolo di terzino destro. La Juve cerca il raddoppio prima con Del Piero, ma il suo colpo di testa si stampa sulla traversa, quindi con Quagliarella che in effetti segna due volte, ma in entrambe le occasioni è in fuorigioco e i gol vengono annullati. Stessa sorte per la rete del Savona, ma quel punto si era già sul 3-0, grazie al sinistro da fuori area di Gabriel Appelt al 29’ e alla punizione di Grosso al 36’. Il sigillo finale lo mette Giaccherini, che al 43’ gira in rete con buona coordinazione un preciso cross di Quagliarella. Termina 4-0, con strette di mano agli avversari e applausi ai tifosi in festa.

Nessun commento: